uomini contro la violenza sulle donne

Matteo Negri. Aporie

Autore: Raffaella A. Caruso data pubblicazione: 04 Dicembre 2019
Quando:
da Sabato, 7 Dicembre, 2019 - 18:00 a Sabato, 25 Gennaio, 2020 - 19:00
Città:
Verona
Sabato 7 dicembre con inaugurazione alle ore 18 Arena studio d'arte – Verona, Via Oberdan 11- inaugura Aporie, personale di Matteo Negri.
Matteo Negri nasce a San Donato Milanese (MI) nel 1982. Diplomato in scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera, a partire dal 2003 l'artista ha lavorato con numerose gallerie d'arte in Italia e all'estero (tra cui Parigi, Londra e Berlino), realizzando numerose installazioni presso gallerie d'arte, spazi pubblici, privati e fiere d'arte.
In mostra due tra i più recenti cicli di opere dell'artista: Kamigami e L'Ego. Il noto mattone colorato assume il ruolo di archetipo della creatività per la possibilità di costruire e creare insita nell'oggetto e per la conversione dei valori acquisiti diventando oggetto artistico. Attraverso la manipolazione dell'artista, il lego cessa di essere una forma e diventa una metafora della soggettività (l'Ego). Come scrive Raffaella A. Caruso nel testo in catalogo “Il classico gioco di costruzioni viene declinato in tetris estremamente coinvolgenti per colore e sinuosità delle forme, ma che già con l'indicazione del nome trasformato per assonanza in altro, apre una riflessione sul senso dell'essere, sull'io e sulla sua necessità di relazione, in aperta critica al contemporaneo ed egoistico solipsismo. E se da una parte l'occhio legge la possibilità di costruire, dall'altra la mente si confronta con l'antitesi della costruzione, il labirinto, che con le sue connessioni solo simulate non crea lo spazio, lo distrugge piuttosto, o meglio lo frammenta in un andirivieni continuo.” Ugualmente nei Kamigami, strutture circolari riflettenti “Lo spazio non è più un ambito privato e nella relazione con l'esterno la struttura da architettonica diventa scultura: non c'è più un dentro, non un fuori, non un sopra, non un sotto se non in relazione diretta alla partecipazione dell'osservatore”. Una mostra dunque che celata tra colori lucidi ed accattivanti del pop compie un indagine estremamente complessa sulla relazione forma/sostanza in arte e sulla fruizione dell'opera in rapporto allo spazio ospitante. Sino al 25 gennaio 2020

Matteo Negri
Aporie
a cura di Raffaella A. Caruso
Arena studio d’arte
Via Oberdan 11, Verona
7 dicembre 2019 – 25 gennaio 2020

Inaugurazione: sabato 7 dicembre dalle 18.00 alle 21.00.
Preview della mostra da martedì 3 dicembre.
Orari di apertura: da martedì a sabato 10.30 / 12.30 e 16.00 / 19.30. Lunedì su appuntamento.

Ingresso libero.
Catalogo in galleria
 
Indirizzo:
Via Oberdan 11
Verona VR
Italia